Daiana Bertacchini: «Alicia Piazza è un esempio per noi donne»

Daiana Bertacchini: «Alicia Piazza è un esempio per noi donne»

La Gazzetta Granata dà voce alle donne, concedendo la parola alla giovane Daiana Bertacchini: «Sono da sempre tifosa della Reggiana, mi sento come in una grande famiglia».

In un’intervista rilasciata al nostro blog, Daiana Bertacchini ci racconta la sua storia e ci parla del suo lavoro all’interno del settore giovanile granata.

Cominciamo con una breve presentazione: chi è Daiana Bertacchini?

«Ho 21 anni e mi sono diplomata al Motti Alberghiero con 94/100. Abito a Massenzatico con i miei genitori, Roberto e Marilena, e mio fratello Davide, che anche lui lavora nel settore giovanile della Reggiana come accompagnatore. Sono nata a Brașov, in Romania, ma a sette anni e mezzo sono stata adottata dalla mia attuale famiglia. Ho avuto un’infanzia un abbastanza complicata: ho passato anni in un orfanotrofio di Bucarest, nel quale le condizioni di vita non erano le migliori. Arrivata in Italia, scoprire una nuova cultura, nuovi usi e costumi è stata come una nuova vita. Sono una ragazza sportiva: gioco a calcetto da tre anni in una squadra femminile a Massenzatico, e prima avevo fatto undici anni di pallavolo e tre di nuoto Dopo un tirocinio in un asilo nido della zona ho iniziato quest’estate la mia esperienza in Reggiana».

Che ambiente ha trovato alla Reggiana?

«Mi trovo benissimo con gli altri ragazzi del magazzino e della lavanderia, c’è stata fin da subito massima disponibilità nei miei confronti. Per me sta diventando come una nuova famiglia: fare nuove esperienze, conoscere belle persone sempre molto disponibili mi fa stare bene. Di solito si dice che il calcio è un ambiente maschilista, ma io qui non l’ho trovato così, anzi: la stessa presenza di Alicia Piazza in società è un esempio di come anche le donne possano ricoprire ruoli importanti nelle società di calcio».

Che ruolo andrà a occupare da questa stagione all’interno di A.C. Reggiana?

«Sono addetta alla lavanderia per il settore giovanile e la prima squadra: è mio compito lavare le divise, preparare i borsoni quando me lo chiedono i mister e controllare che tutte le divise da gioco siano in ordine».Daiana Bertacchini

Cosa la appassiona maggiormente di questo ruolo?

«Lavorare per la squadra per cui ho sempre tifato è davvero un onore. Mi piace rendermi utile: poter essere di supporto a tutti i ragazzi, gli allenatori e anche a Matteo Ferri, il magazziniere della prima squadra, mi appaga davvero molto e lavoro sodo perché mi auguro in futuro di poter essere ancora più d’aiuto anche in ottica prima squadra».

Cos’è per lei la Reggiana?

«La Reggiana è la mia squadra del cuore. È sempre stata una gran squadra, con ottimi giocatori. Con i miei genitori la seguo fin dai tempi di Alessi: in famiglia siamo tutti molto appassionati di sport, soprattutto calcio e basket, e mi piace molto vedere le partite della Regia, anche dal vivo. Soprattutto quando vince!».

Ha nominato Alessi: è il suo idolo?

«Sì, è sempre stato il mio giocatore preferito. Mi è sempre piaciuto il suo modo di giocare: la sua tecnica, la sua visione di gioco, la sua abilità realizzativa. Ha sempre segnato gol bellissimi. Mi ricordo che una volta mio padre tornò a casa con un suo autografo: non potevo crederci, ho fatto letteralmente i salti di gioia. Tutte le volte che mi capita di incontrarlo gli chiedo una foto, mi piace avere ricordi con lui e presto avrò anche la sua maglia: un mio sogno».

E della squadra attuale c’è un giocatore particolare che la emoziona?

«Senza dubbio Cesarini, che come Alessi porta il 10 sulle spalle. Chissà, magari un giorno riuscirò a incontrare anche lui, e oltre a una foto potrò farmi regalare anche la sua di maglia!».

C’è un messaggio finale che vuole lasciare?

«Faccio un in bocca al lupo alla squadra per tutta la stagione, e speriamo di riuscire al più presto a raggiungere la promozione e tornare nelle categorie che più ci appartengono».

 

intervista a cura di Matteo Martinelli

Marco Bertolini
ADMINISTRATOR
PROFILE

Altri articoli che ti potrebbero interessare